ENDODONZIA

Etharums ser quidem rerum facilis dolores nemis omnis fugats vitaes nemo minima rerums unsers sadips amets.

L’endodonzia si occupa della parte interna del dente, la polpa dentaria o nervo
Quando la carie od anche un trauma importante interessano la polpa del dente, il processo infettivo-infiammatorio che viene ad instaurarsi è generalmente irreversibile e necessita della cura canalare del dente (quella che comunemente veniva chiamata devitalizzazione).

Per poter effettuare la terapia canalare di un dente è prima necessario forare la corona dell’elemento, qualora questa non fosse già parzialmente o completamente distrutta dalla carie o da un trauma.

Una volta arrivati alla camera pulpare, si rimuove il nervo e si detergono perfettamente tutti i canali radicolari dell’elemento.
In seguito si otturano i canali con cementi biocompatibili che isolano il canale del nervo e le radici del dente dal tessuto osseo circostante, per evitare infezioni o reazioni granulomatose o cistiche.

La durata e la complessità di questa operazione dipende da quante radici e da quanti canali radicolari erano presenti in quel particolare dente.

Una volta trattato, il dente può tranquillamente proseguire a funzionare e può essere ricostruito.

Se particolarmente compromesso, si valuterà la possibilità di ricoprire il dente trattato endodonticamente con una corona in ceramica. Questo per evitare che in futuro il dente già indebolito si fratturi e debba essere estratto.

Endodonzia nel ritrattamento dei canali radicolari di un dente già “devitalizzato”:
Occasionalmente un dente che è già stato sottoposto ad una cura canalare, generalmente di vecchia data, può non guarire, continuare a dolere nonostante la terapia o sviluppare una infezione cronica alla base della radice (granuloma)
Questo può succedere anche alcuni mesi o anni dopo la terapia.

Quando questo accade, spesso il dente può ancora essere salvato eseguendo nuovamente una terapia canalare, detta ritrattamento. Il ritrattamento consiste in una nuova endodonzia, preceduta dalla rimozione della vecchia “devitalizzazione”, dalla rimozione dei vecchi cementi infetti e da una nuova accurata disinfezione del complesso sistema dei canali radicolari del dente.

Se un dente può essere salvato, si troverâ la soluzione per curarlo ed evitarne l’estrazione.